Estasi: istruzioni per l'uso
Estasi: istruzioni per l'uso
di (Autore), Cristiano Peddis (Traduttore) e Marco Pennisi

Il vivere civile ci impone costantemente di controllarci, inibire gli impulsi, gestire le emozioni. Ma a volte il Sé che edifichiamo su paure, obblighi e censure ha bisogno di spogliarsi per entrare in comunione con qualcosa di più grande — la natura, l’universo, l’umanità. Non tutte le esperienze estatiche però sono rigeneranti:… (più)

Il vivere civile ci impone costantemente di controllarci, inibire gli impulsi, gestire le emozioni. Ma a volte il Sé che edifichiamo su paure, obblighi e censure ha bisogno di spogliarsi per entrare in comunione con qualcosa di più grande — la natura, l’universo, l’umanità. Non tutte le esperienze estatiche però sono rigeneranti: a volte, invece di migliorarci la vita, ci danneggiano. In che modo quindi è opportuno lasciarsi andare? Quale strada scegliere per raggiungere la trascendenza? Dopo un lungo periodo di ferrea adesione ai principi stoici, il filosofo Jules Evans ha deciso di superare i confini della sua comfort zone e intraprendere un vero e proprio tour delle esperienze estatiche. Ha partecipato a un festival sul tantrismo, a un ritiro di meditazione Vipassana e a un pellegrinaggio rock; è diventato adepto di una chiesa carismatica, si è dato al gospel, all’onironautica, alle scienze psichedeliche, si è iscritto a un workshop di Danza dei 5 ritmi. Questo saggio ben documentato e originale è la sintesi della sua ricerca: un viaggio nel Festival dell’Estasi in cui ciascun capitolo-padiglione offre un’esperienza travolgente e prolifica.

 

Editore: Carbonio Editore (01 Marzo 2018)

Numero di pagine: 314 pagine

Dimensioni del file: 1 MB

Protezione: Watermark

Lingua: Italiano

Naviga