Giallo Van Gogh
Giallo Van Gogh
di

La scrittura ci mostra la pittura, certamente, ma ce la fa soprattutto sentire. Un romanzo bellissimo» Études. Revue de culture contemporaine

 

«Commovente dall’inizio alla fine, appassionante e incredibilmente evocativo dell’età d’oro della pittura» Le Salon Littéraire

Auvers, luglio 1890. Vincent Van Gogh rientra dal campo dove… (più)

La scrittura ci mostra la pittura, certamente, ma ce la fa soprattutto sentire. Un romanzo bellissimo» Études. Revue de culture contemporaine

 

«Commovente dall’inizio alla fine, appassionante e incredibilmente evocativo dell’età d’oro della pittura» Le Salon Littéraire

Auvers, luglio 1890. Vincent Van Gogh rientra dal campo dove si è recato a dipingere, barcollando, ferito a morte. Suicidio? Incidente? Eccesso di follia? Nessun testimone ha mai levato il velo sulle circostanze esatte del colpo di pistola che l’ha ucciso.

Recentemente, alcuni storici americani hanno sostenuto la tesi dell’omicidio, punto di partenza di questo romanzo. La storia ripercorre gli ultimi due anni di vita dell’artista, tanto tormentati quanto prolifici – trascorsi nella Casa Gialla ad Arles in compagnia di Gauguin, all’istituto per alienati di Saint-Rémy e infine a Auvers-sur-Oise –, e risponde alle domande sulla sua tragica fine.

Chi è responsabile della sua morte? Perché è stato ucciso? Mostrando Vincent Van Gogh alle prese con il suo tempo, disperato di sentirsi così diverso dalle persone che lo circondano e dai suoi compagni pittori, schernito da tutti, solo e totalmente preso dal suo impulso creativo, questo libro vuole rendere giustizia a un uomo e un artista eccezionale, che la sua epoca ha condannato a morte.

 

Editore: L'Asino d'oro (05 Luglio 2018)

Numero di pagine: 350 pagine

Dimensioni del file: 1.1 MB

Protezione: Watermark

Lingua: Italiano

Naviga